Come può una semplice coltura cellulare sostituire la complessità di un organismo intero?

 

Immagine5

Non può. E nessuno che parli con cognizione di causa di metodologie alternative si sognerebbe mai sostenere una cosa del genere.

Se però si considerano i sistemi microfisiologici, le co-colture 3D organotipiche dinamiche (es. bioreattori multicompartimentali modulari) e l’ integrazione di diverse metodologie human based, ci si può ragionevolmente avvicinare alla complessità in vivo e pensare alla sostituzione/riduzione di organismi animali modello, specie in caso sia nota una limitata predittività e rilevanza degli stessi.

Riferimenti bibliografici

Bhatia SN, Ingber DE. Microfluidic organs-on-chips. Nat Biotechnol. 2014 Aug;32(8):760-72.

Coleman RA .Human tissue in the evaluation of safety and efficacy of new medicines: a viable alternative to animal models? ISRN Pharm. 2011;2011:806789. doi: 10.5402/2011/806789.

Annunci